REFERENCE


Hotel Simplon – Ristorante

Benessere delle persone grazie al sapiente uso delle pitture ecologiche decorative

  • Progettisti Claudio Maria Fimiani Architetto
  • Città Baveno (VB)
  • Stato Italia
  • Ecosoluzioni su misura per interni Ecovelluto
  • Tipologia Spazi per l'ospitalità
  • Ambienti Ristoranti-Caffé

Il Benessere della persona si raggiunge grazie ad un equilibrio dei sensi, ad un appagamento estetico, visivo e sensoriale anche grazie al sapiente uso del colore e della materia.

Questa la vision di Oikos che si concretizza perfettamente nella realizzazione dell’Arch. Claudio Maria Fimiani De Riseis D’Aragona per il ristorante dell’ Hotel Simplon di Zacchera Hotel a Baveno (VB).

Il Ristorante, fa parte di un complesso che, a partire da un nucleo originario del primo decennio del Novecento, si è via via dilatato con addizioni successive fino a raggiungere la configurazione attuale comprensiva di un grande dehor. L’ ambiente si affaccia con estesissime vetrate sulla riva occidentale del Lago Maggiore, offrendo una vista impareggiabile sulla natura lussureggiante. 

Scopo del Progettista è stato quello di smaterializzare le masse murarie e di far penetrare il paesaggio all’interno dell’invaso spaziale, con un radicale cambiamento cromatico dal legno naturale di ciliegio ad una laccatura color “Verde Vagone” abbinata a metalli ed a marmi Verde Guatemala e alle nuove decorazioni in gesso e stucco volutamente ridondanti ad incorniciare specchi, grandi “papiérs pèints” scenografici e viste sul lago, con l’effetto di ricreare una sorta di “jardin d’hiver” che richiama le atmosfere dei “Grands Hotels” della Belle Epoque. 

Questo gioco di riflessioni, di trasparenze, di illusioni, di rimandi e di inversioni di vedute tra esterno ed interno culmina nel nuovo “dehor” in cui l’uso della soluzione ecologica Oikos Ottocento Antico Velluto conferisce alle masse murarie ed ai plafoni, con i suoi riflessi perlacei, le sue nuvolature, le sue varianze luministiche, l’effetto di un cielo, mentre il grande lucernario di oltre cinquanta metri quadri in stile Liberty-Eclettico, del quale l’ Architetto ha personalmente curato ed elaborato l’impianto, la struttura, la decorazione e la colorazione, si riallaccia, con la sua effervescenza ed esuberanza decorativa alla memoria storica dell’ edificio d’origine.     

Si viene a comporre così un contesto in cui soluzioni costruttive e strutturali d’avanguardia, altissime e raffinatissime tecnologie, atmosfere, immagini ed effetti scenografici si coniugano e si fondono in un insieme altamente suggestivo e coinvolgente.

TAG CLOUD

OIKOS REFERENCE Spazi per l'ospitalità Vedi tutte